Follow by Email

martedì 19 novembre 2013

Tre bicchieri Gambero Rosso del Veneto

Serata in compagnia dei vincitori dei tre bicchieri del Gambero Rosso 2014 alle Osterie Moderne a S. Andrea di Campodarsego, appena trascorsa; devo dire divertente e didattica, certo anche un po' caotica visto l'afflusso incredibile di clienti, dovuti anche probabilmente alla numerosa partecipazione dell'Amarone, protagonista indiscusso della serata.

Altro ospite, l'Asiago DOP, sempre presente e simbolo della nostra amata regione.

Spicca tra i vini in veranda, da antipasto, il soave di Pieropan, minerale, fruttato, pieno e allo stesso tempo di facile beva.
Altro punto interessante nel Custoza di Monte del Frà, sempre minerale e intenso, sentori di erbe aromatiche.

Confrontando i rossi ho trovato stupendo il Rosso dell'Abbazia, vino che non delude mai, dovremmo averne sempre una o due bottiglie in riserva! Di corpo pieno, bocca cremosa, frutta da terziario e legno non  invadente. Particolare l'assaggio del Gemola di Vignalta, espressione di un territorio, sentori esotici di curcuma, spezie indiane, curry, oltre alla mineralità vulcanica che contraddistingue i colli euganei.

Grande vittoria dell'Amarone di Zymè, un po' chiuso al naso, ma grandissimo in bocca, assaggio pieno e soddisfacente, di frutta in confettura, sentori di appassimento, un vino completo e appassionante.
Appena sotto l'amarone di Brigaldara, altro grande vino, di un'intensità spaventosa, abbinamento da tentare addirittura con formaggi stagionati...
Deludono un po' Allegrini, Bertani e Masi, non all'altezza (ma è solo una mia opinione e di qualche collega in sala) ma forse spinti troppo dal nome.
Bello invece il Calcarole di Guerrini Rizzardi, un paio di scalini sotto ai primi ma davvero interessante, corpo soddisfacente, caldo e morbido, equilibrato e a suo modo armonioso.

Finale con un assaggino di recioto, dal mito Quintarelli (in sala c'era il signor Celestino, il cognato di Quintarelli, dell'azienda Zymè!), poco ma gradito, note ossidate, sembrava più un porto, annata 2001....

Stanco ma contento saluto i colleghi ed amici che hanno partecipato alla serata ed hanno condiviso l'esperienza con me, alla prossima ragazzi!!!!